scottature

La scottatura solare è una pelle infiammata e dolorosa che è calda al tatto. Spesso appare entro poche ore se è stato al sole troppo a lungo. Puoi ottenere sollievo da una scottatura solare con semplici misure di cura personale come l'assunzione di antidolorifici e il raffreddamento della pelle. Ma possono volerci giorni prima che la scottatura solare svanisca. Prevenire le scottature durante tutto l'anno indossando creme solari o adottando altre abitudini di protezione della pelle è importante per tutti. Ciò è particolarmente importante quando sei all'aperto, anche nelle giornate fresche o nuvolose.

scottature

sintomi

I sintomi delle scottature possono includere:

  • Pelle infiammata che appare rosa o rossa su pelle bianca e può essere più difficile da vedere su pelle marrone o nera
  • Pelle che si sente calda o calda al tatto
  • dolore, tenerezza e prurito
  • rigonfiamento
  • Piccole vesciche piene di liquido che possono scoppiare
  • Mal di testa, febbre, nausea e affaticamento se la scottatura è grave
  • Occhi che si sentono dolorosi o granulosi

Qualsiasi parte esposta del corpo, compresi i lobi delle orecchie, il cuoio capelluto e le labbra, può bruciare. Anche le aree coperte possono bruciare, ad esempio se gli indumenti hanno un tessuto largo che lascia passare la luce ultravioletta (UV). Anche gli occhi, estremamente sensibili alla  luce UV  del sole, possono scottarsi.

I sintomi delle scottature compaiono spesso entro poche ore dall'esposizione al sole.

Entro pochi giorni, il corpo può iniziare a guarire se stesso staccando lo strato superiore della pelle danneggiata. Una brutta scottatura può richiedere diversi giorni per guarire. Eventuali cambiamenti persistenti del colore della pelle di solito scompaiono nel tempo.

Quando dal dottore

Contatti il ​​medico se:

  • Sviluppa grandi vesciche
  • Sviluppa vesciche sul viso, sulle mani o sui genitali
  • Sperimenta un grave gonfiore dell'area interessata
  • Mostra segni di infezione, come B. Vesciche con pus o striature
  • Sperimenta un peggioramento del dolore, mal di testa, confusione, nausea, febbre o brividi
  • Aggravamento nonostante le cure domiciliari
  • ha dolore agli occhi o visione offuscata

Rivolgiti immediatamente a un medico se soffri di scottature solari e provi una delle seguenti condizioni:

  • Febbre superiore a 103 F (39,4 C) con vomito
  • confusione
  • un'infezione
  • disidratazione
  • Pelle fredda, vertigini o svenimento

cause

Le scottature sono causate da troppa luce ultravioletta (UV). La luce UV  può provenire dal sole o da fonti artificiali come lampade solari e lettini abbronzanti. I raggi UVA  sono la lunghezza d'onda della luce che penetra negli strati profondi della pelle e può causare danni alla pelle nel tempo. L' UVB  è la lunghezza d'onda della luce che penetra più superficialmente nella pelle e provoca scottature.

La luce UV   danneggia le cellule della pelle. Il sistema immunitario risponde aumentando il flusso sanguigno nelle aree colpite, con conseguente infiammazione della pelle (eritema) nota come scottatura solare.

Puoi scottarti nei giorni freddi o nuvolosi. Anche superfici come neve, sabbia e acqua possono  riflettere i raggi UV  e bruciare la pelle.

fattori di rischio

I fattori di rischio per le scottature includono:

  • Con la pelle bianca e i capelli rossi
  • Storia di scottature
  • Vivere o andare in vacanza in un luogo soleggiato, caldo o in alta quota
  • lavorare all'esterno
  • Nuota o spruzza la pelle con acqua o olio per bambini poiché la pelle bagnata è più soggetta a scottature rispetto alla pelle secca
  • Mescolando attività ricreative all'aperto e consumo di alcol
  • Esporre regolarmente la pelle non protetta ai  raggi UV  della luce solare o di fonti artificiali come i solarium
  • Assunzione di un farmaco che aumenta la possibilità di ustioni (farmaci fotosensibilizzanti)

complicazioni

L'esposizione intensa e ripetuta al sole che provoca scottature aumenta il rischio di altri danni alla pelle e di alcune malattie. Questi includono l'invecchiamento precoce della pelle (fotoinvecchiamento), le lesioni cutanee precancerose e il cancro della pelle.

Invecchiamento precoce della pelle

L'esposizione al sole e le ripetute scottature accelerano il processo di invecchiamento della pelle. I cambiamenti della pelle causati dalla luce UV  sono indicati come fotoinvecchiamento. I risultati del fotoinvecchiamento includono:

  • Indebolimento del tessuto connettivo, riducendo la compattezza e l'elasticità della pelle
  • rughe profonde
  • Pelle secca e ruvida
  • Piccole vene rosse su guance, naso e orecchie
  • Lentiggini, principalmente sul viso e sulle spalle
  • Macchie scure o scolorite (macchie) su viso, dorso delle mani, braccia, petto e parte superiore della schiena, chiamate anche lentiggini solari (len-TIJ-ih-neez).

Lesioni cutanee precancerose

Le lesioni cutanee precancerose sono macchie ruvide e squamose in aree che sono state danneggiate dal sole. Si trovano spesso nelle aree esposte al sole della testa, del viso, del collo e delle mani di persone la cui pelle si scotta facilmente al sole. Queste macchie possono trasformarsi in cancro della pelle. Sono anche chiamate cheratosi attiniche (ak-TIN-ik ker-uh-TOE-seez) e cheratosi solari.

cancro della pelle

L'eccessiva esposizione al sole, anche senza scottature, aumenta il rischio di cancro della pelle come il melanoma. Può danneggiare il DNA delle cellule della pelle. Le scottature solari durante l'infanzia e l'adolescenza possono aumentare il rischio di melanoma più avanti nella vita.

Il cancro della pelle si sviluppa principalmente nelle aree del corpo più esposte alla luce solare, tra cui il cuoio capelluto, il viso, le labbra, le orecchie, il collo, il torace, le braccia, le mani, le gambe e la schiena.

Alcuni tipi di cancro della pelle appaiono come una piccola crescita o piaga che sanguina facilmente, si forma una crosta, guarisce e poi si riapre. Nel melanoma, un neo esistente può cambiare o può crescere un nuovo neo dall'aspetto sospetto.

Rivolgersi al proprio medico se si nota uno dei seguenti:

  • Una nuova crescita della pelle
  • Un fastidioso cambiamento nella tua pelle
  • Un cambiamento nell'aspetto o nella consistenza di una talpa
  • Una ferita che non si rimargina

danni agli occhi

Troppa  luce UV  danneggia la cornea. I danni causati dal sole al cristallino possono portare all'annebbiamento del cristallino (cataratta). Gli occhi bruciati dal sole possono essere dolorosi o sgranati. La scottatura corneale è anche nota come cecità da neve. Questo tipo di danno può essere causato dal sole, dalle saldature, dalle lampade abbronzanti e dalle lampade a vapori di mercurio rotte.

prevenzione

Usa questi metodi per evitare le scottature, anche nei giorni freddi, nuvolosi o nebbiosi. La radiazione solare nelle giornate nuvolose si riduce di circa il 20%. Fai molta attenzione vicino ad acqua, neve, cemento e sabbia poiché riflettono i raggi del sole. Inoltre,  la luce UV  è più intensa ad alta quota.

  • Evitare l'esposizione al sole tra le 10:00 e le 16:00  . I raggi del sole sono più forti durante questo periodo, quindi prova a pianificare le attività all'aperto per altri periodi. Se non puoi, limita il tempo in cui sei al sole. Se possibile, cerca l'ombra.
  • Evitare abbronzatura e solarium. Ottenere un'abbronzatura base non riduce il rischio di scottature. Se usi un prodotto autoabbronzante per sembrare abbronzato, applica anche la protezione solare prima di uscire.
  • Usa la protezione solare spesso e liberamente. Anche nelle giornate nuvolose, usa un balsamo per le labbra impermeabile ad ampio spettro e una protezione solare con un  SPF  di almeno 30. I prodotti ad ampio spettro forniscono protezione dai raggi UVA (UVA) e UVB (UVB). SPF  30 blocca il 97% dei  raggi UVB  . Nessuna protezione solare può bloccare il 100% dei  raggi UVB del  sole.

    Applicare la crema solare generosamente sulla pelle pulita e asciutta circa 30 minuti prima di uscire. Usa almeno 2 cucchiai o 1 oncia di crema solare per coprire tutte le superfici della pelle esposta tranne le palpebre. Se usi uno spray solare, spruzzalo sulle mani e poi strofinalo sulla pelle. Ciò contribuirà a evitare di inalare il prodotto. Non utilizzare alcun prodotto spray mentre si fuma o vicino a fiamme libere.

    Se stai usando un prodotto che contiene bloccanti fisici (ossido di titanio, ossido di zinco), applicalo su tutti gli altri prodotti che indossi, ad eccezione del repellente per insetti. Il repellente per insetti arriva per ultimo. I bloccanti fisici offrono la protezione più efficace per la pelle sensibile.

    Riapplica la protezione solare ogni due ore o più spesso se nuoti o sudi. Se indossi il trucco e desideri riapplicare la crema solare senza riapplicare l'intero viso, un'opzione è utilizzare una  polvere SPF  sopra il trucco.

    La Food and Drug Administration (FDA) richiede che tutti i filtri solari mantengano la loro forza originale per almeno tre anni. Controlla le etichette delle creme solari per le istruzioni di conservazione e le date di scadenza. Getta via la protezione solare se è scaduta o se ha più di tre anni.

  • Proteggi neonati e bambini piccoli. Proteggi neonati e bambini dalle scottature solari indossando cappelli a tesa larga e indumenti leggeri che coprano braccia e gambe. Mantenerli freschi, idratati e protetti dalla luce solare diretta. Se ciò non è possibile, l'American Academy of Pediatrics consiglia di applicare una protezione solare con un  SPF  di almeno 15 sul viso e sul dorso delle mani. L'American Academy of Dermatology e la  FDA  sconsigliano la protezione solare per i bambini di età inferiore ai 6 mesi.

    Quando l'abbigliamento per la protezione solare e l'ombra non sono disponibili, i filtri solari con ossido di zinco o biossido di titanio sono la scelta migliore.

  • Coprire. Protezione solare esterna, altri oggetti come ombrelli o cappelli a tesa larga possono fornire protezione. Gli indumenti più stretti e più scuri offrono una maggiore protezione. Prendi in considerazione l'utilizzo di abbigliamento outdoor appositamente progettato per la protezione solare. Controlla l'etichetta per il suo fattore di protezione UV (UPF), che indica quanto bene un tessuto blocca la luce solare. Più alto è il  valore UPF  , meglio è.
  • Indossa occhiali da sole all'aperto. Scegli occhiali da sole con   protezione UVA  e  UVB . Quando acquisti nuovi occhiali, cerca la  classificazione UV  sull'etichetta. Lenti più scure non sempre significano una migliore   protezione dai raggi UV . Aiuta anche a indossare occhiali da sole che si adattano perfettamente al viso o hanno una montatura avvolgente.
  • Fai attenzione ai farmaci e ai cosmetici sensibilizzanti al sole. Alcuni comuni farmaci da prescrizione e da banco possono rendere la pelle più sensibile alla luce solare. Gli esempi includono antibiotici, farmaci antinfiammatori non steroidei come l'ibuprofene (Advil, Motrin IB, altri) e farmaci per abbassare il colesterolo. Parlate con il vostro farmacista o operatore sanitario degli effetti collaterali dei medicinali che state assumendo. Anche i cosmetici contenenti alfaidrossiacidi aumentano la sensibilità al sole.

Quelle

https://viagraitabs.online/sonnenbrand

What's Your Reaction?

like

dislike

love

funny

angry

sad

wow